RagioneLazio/Simeone (FI) “Mancano all’appello 24milioni per l’ospedale Goretti. Zingaretti chiarisca

Condividi l'Articolo sui Social
Il Consigliere Regionale di Forza Forza Italia Pino Simeone

COMUNICATO STAMPA – “Utilizzo dei fondi regionali per i lavori al Goretti: ci sono 24 milioni di cui non si vede ombra. L’Asl di Latina e la Regione chiariscano”. Giuseppe Simeone, presidente della commissione Sanità, politiche sociali, integrazione sociosanitaria e welfare della Regione ha inviato al direttore generale dell’Asl di Latina, Giorgio Casati e al presidente Nicola Zingaretti una missiva con la quale chiede lumi sulle risorse destinate all’ospedale di Latina. “Apprendo dalla stampa che il cantiere degli interventi al Goretti seguirà un programma che prevede l’avvio dei lavori dalla ristrutturazione dell’attuale Servizio di Neurologia per poi gradualmente interessare le altre aree di servizio –afferma Simeone- prendo atto che tale ampliamento è oggetto di specifico finanziamento da parte della Regione Lazio e al termine saranno resi disponibili spazi aggiuntivi di circa 340 metri quadrati rispetto agli attuali. Saranno quindi aumentate il numero delle postazioni visita del Pronto Soccorso, così come del resto anche gli spazi previsti per le Sale Rosse. Non vi è dubbio che il completamento della struttura rappresenti una notizia importante, soprattutto se verrà accompagnata da un miglioramento della qualità nell’offerta sanitaria. Quando però si tratta di questioni primarie per la vita dei cittadini, io credo sia necessario essere precisi. Ebbene, già sul finire della scorsa estate avevo messo in evidenza il bisogno di fare chiarezza sui finanziamenti esistenti, sulla programmazione e sulla tempistica prevista per la realizzazione di interventi fondamentali all’ospedale Goretti. A quanto risulta dagli atti in nostro possesso, al netto degli interventi in corso e di quelli ultimati, l’Asl di Latina può contare su circa 24 milioni di euro di risorse, di cui circa 12 milioni al 2016 ed oltre 12 milioni risalenti al 2018, messe a disposizione dalla Regione Lazio e contenuti in diverse deliberazioni e decreti del commissario ad acta. Somme il cui utilizzo ha trovato ampio spazio nella cronaca ma poca nella realtà, tanto che ad oggi dei lavori annunciati, come l’ampliamento del Pronto Soccorso appena avviato, la realizzazione di una nuova palazzina da destinare ad attività ambulatoriale e degli altri interventi peraltro preventivati, al momento non si è vista neanche l’ombra. Di conseguenza ho chiesto il quadro dettagliato della programmazione degli interventi che impegnano le risorse stanziate nel 2016 e analogo esaustivo prospetto per le risorse stanziate nel 2018. Con relativo cronoprogramma previsto dei lavori. La sanità, la vita dei cittadini che ad essa si affidano per avere assistenza e servizi efficienti, non può continuare ad essere affidata al caso o a sterili annunci sulla stampa. Deve essere supportata da scelte mirate ed azioni consequenziali e da quel pragmatismo che purtroppo ad oggi non trova corrispondenza adeguata nei fatti”.

Stampa
Condividi l'Articolo sui Social