Minturno/(FOTO) Il degrado e i disagi in località Pantano. La difficoltà a viverci di Salvatore merita di essere risolta

Condividi l'Articolo sui Social

Dopo le varie denuncie a mezzo stampa di vari esponenti politici di Minturno, sullo stato di abbandono e di degrado di alcune zone della città, abbiamo voluto incontrare un cittadino che proprio sotto un articolo da noi pubblicato, era intervenuto lamentando la situazione in località Pantano che non gli consente di viverci in maniera degna soprattutto a causa dei suoi problemi di salute. Via del Pantano dalle foto che vedete nell’articolo è veramente off limits per qualsiasi cittadino, se poi si hanno i problemi di deambulazione la cosa si fa ancora più impossibile e non è accettabile tutto questo in una città come Minturno. Ma veniamo al nostro cittadino che chiede aiuto si tratta di Salvatore. Salvatore è un sessantasettenne minturnese, lavorava con il “ferro vecchio” ed oggi vive a Marina di Minturno in località Pantano Arenile in via degli Archi superiori.

Vedovo, vive con la figlia Rosaria ed i loro cani e gatti che gli fanno compagnia,

purtroppo Salvatore ha una invalidità agli arti inferiori e questo lo limita notevolmente negli spostamenti e nella locomozione.

Da qualche tempo gli è stata donata una moto elettrica con la quale, tempo permettendo, usciva per passare un pò di tempo fuori casa facendo qualche giro nelle vicinanze della sua abitazione. Oggi però a causa del maltempo e dell’incuria, Salvatore non può più uscire di casa essendo la strada che percorre totalmente dissestata. Nello specifico parliamo di Via Degli archi Superiori, come documentato dalle foto la strada è interamente allagata e non percorribile se non con un auto di grossa cilindrata, figurarsi a percorrerla con un motorino elettrico.

Per questo motivo Salvatore chiede di non essere abbandonato e che si intervenga prontamente ad asfaltare e sistemare Via Degli Archi superiori. Da parte nostra riteniamo che un cittadino con difficoltà motorie come Salvatore debba essere tutelato o quantomeno messo in condizione di poter uscire di casa.

M. Napoletano – Areagolfo.it

Stampa

Condividi l'Articolo sui Social