Golfo/Ma quale comprensorialità? Gaeta e Minturno si cucinano Formia a fuoco lento

Condividi l'Articolo sui Social

Comprensorialità, uniti contro il Pontile Eni, tavoli e riunioni per una politica comune nel golfo tanto da indurre Formia a far approvare in Consiglio Comunale l’indirizzo per il trasporto pubblico integrato nel Golfo e poi? E poi ti ritrovi il Sindaco di Gaeta Mitrano e quello di Minturno Stefanelli abbracciati sotto il campanile (mancavano solo gondola e gondoliere) ad annunciare “Siamo già al lavoro per il Natale 2019! Le città dei Minturno e Gaeta vicine in questo grande progetto“. Capito Sindaco Paola Villa? Gaeta e Minturno, Formia no, alla faccia della politica comune.

D’altronde minimizzare quanto è successo con il ruolo di capofila del distretto socio sanitario è stato un grande errore, tutto parte da lì, da quel fatto si capisce come la comprensorialità espressa a chiacchiere da Gaeta e Minturno si riduce appunto alla figura dei due soli rispettivi sindaci appoggiati dai Comuni di Santi Cosma e Damiano e Itri dove si è fatta strategia, alleanza, dove si è fatto capire a livello politico che Formia non ha peso e deve accodarsi se non addirittura mettersi proprio da parte.

Ma Mitrano e Stefanelli faranno ancora di più, progetteranno da protagonisti la linea turistica, commerciale e culturale dell’intero golfo ed il proclama di oggi ne è la testimonianza. Se pur il Sindaco Villa ha sostenuto in consiglio comunale (verso chi le faceva notare di non buttarsi a capofitto in questa idea di comprensorialità lanciata proprio dal Sindaco Mitrano ma di andarci più cauti) che Minturno e Gaeta senza Formia non possono unire il Golfo viste le prospettive lanciate dai suoi colleghi oggi, sembra di vedere l’accerchiamento di Formia, quasi a tenaglia da parte degli altri comuni.

Se i reali intenti e progetti di Mitrano e Stefanelli sono questi, tutto quello che si è proclamato durante e dopo la vicenda del pontile Eni nelle sedi Istituzionali risulterebbe essere stata una farsa bella e buona, o meglio una farsa a metà, non sarebbe una sorpresa se un domani ad esempio a capo di un consorzio per il trasporto pubblico al comando ci sia (sempre ad esempio) Minturno e Formia con il quadruplo del chilometraggio stesse a guardare ed a subire le altrui decisioni (sempre ad esempio).

Formia oggi appare un tegame messo sul fuoco a bruciare lentamente, mentre i commensali attendono che sia ben cotta per accomodarsi a tavola. Speriamo che siano sensazioni sbagliate.

A. Ruotolo – Areagolfo.it

Stampa
Condividi l'Articolo sui Social