Formia/L’Assessore Franzini sul Film e i 15mila euro “Non solo titoli di coda, fosse stato così ce ne saremmo dovuti andare” e si fa garante in prima persona “Scene saranno girate a Formia”

Condividi l'Articolo sui Social

Per dissipare qualsiasi dubbio sulla polemica dei 15mila euro concessi dalla Giunta Villa alla casa di produzione cinematografica Camaleo per il film “I Compromessi Sposi” di cui abbiamo abbondantemente parlato (Leggi Qui), l’Assessore al Commercio e al Turismo Kristian Franzini con affianco il Sindaco Paola Villa, ha voluto chiarire il tutto con una apposita conferenza stampa tenutasi nella Sala Sicurezza.

L’assessore ha così esordito “Se avessimo dato 15mila euro solo per stare nei titoli di coda, ce ne saremmo dovuti andare tutti a casa. Effettivamente la delibera era stata scritta male, perciò ho chiesto che nella successiva determina venisse tutto specificato”.

Effettivamente nella determina del dirigente Tiziana Livornese (Leggi Qui) ci sono informazioni in più che tuttavia non dicono con sicurezza che alcune scene saranno girate a Formia, bensì, si rimettono alla discrezione del regista che valuterà se girare appunto a Formia o meno. Ma questo fatto scritto in determina, è scongiurato dallo stesso Franzini che annuncia “Ci saranno due scene girate a Formia. Una in via Tullia in notturna, nel posto dove ci sono i locali della movida formiana e l’altra, scena clou del film, al Grande Albergo Miramare dove si festeggerà il matrimonio trai figli di Salemme e Abatantuono”.

Quindi l’Assessore che sicuramente ha contatti con la produzione, si fa garante di ciò che non è scritto né in Delibera e né in Determina, assicurando la presenza di due scene di cui una importante nella città di Formia che ha dato questo discusso contributo di 15mila euro.

Ma proprio sui soldi Franzini tiene a precisare “Questi 15mila euro che noi abbiamo dato alla produzione del Film per fare cine-turismo, in realtà sono già rientrati perché la produzione stessa per stare a Formia avrà bisogno di alcuni servizi e spenderà questi soldi verso attività commerciali locali. Come ad esempio il fotografo di scena che sarà di Formia, gli autisti per le navette per gli spostamenti e lo stesso Albergo Miramare che vedrà pagarsi la location oltre che ad avere un ritorno di immagine. Insomma immaginate quando tutta Italia vedrà il matrimonio nel film e la location, quanti vorranno sposarsi e festeggiare le nozze a Formia?”.

Dubbi dissipati? Scettici e critici saranno soddisfatti del chiarimento? Non solo titoli di coda ma come garantisce l’assessore, tanto altro per Formia.

A. Ruotolo – Areagolfo.it

Stampa

Condividi l'Articolo sui Social