Formia/Convenzione Quadro tra l’Università di Cassino ed il Comune

Condividi l'Articolo sui Social

Oggi 22 ottobre 2018, alle ore 17.00, presso l’Aula del Consiglio sita al Rettorato dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, Cassino, è stata firmata la Convenzione Quadro tra l’Ateneo Cassinate e il Comune di Formia alla presenza del Magnifico Rettore Prof. Giovanni Betta e del Sindaco di Formia Prof.ssa Paola Villa. 

Obiettivo della Convenzione è quello di stipulare un accordo di cooperazione che si ispira ai principi della promozione e valorizzazione della libera iniziativa e della leale sinergia al fine di sviluppare e organizzare al meglio le potenzialità del sistema della ricerca scientifica e della formazione, affinché le attività dell’Università e del Comune di Formia possano integrarsi e coordinarsi tra loro reciprocamente.

l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, nell’ambito delle proprie finalità istituzionali, sviluppa e diffonde le proprie attività e prodotti di ricerca e di alta formazione anche in collaborazione con soggetti pubblici e privati rappresentativi del mondo della cultura, del lavoro e della produzione;

è già sede primaria della ricerca scientifica, è da tempo impegnata in progetti di innovazione e di ricerca che vertono su argomenti quali la valorizzazione del patrimonio culturale, sviluppo economico, creazione di impresa e le politiche di sviluppo del turismo e dell’occupazione, non ultimo vanta esperienza e conoscenza nel campo della valorizzazione del patrimonio culturale, del tessuto economico, della creazione di impresa e del sostegno allo sviluppo turistico e alle politiche dell’occupazione.

Pertanto essendo di pieno interesse del Comune di Formia promuovere una collaborazione organica estesa a tutti gli ambiti di attività sopracitati, finalizzati allo sviluppo dello sviluppo socio – economico del territorio, entrambe le Istituzioni si impegnano sinergicamente con particolare riferimento ai seguenti settori: attività di ricerca applicata e progettazione di interventi come sopra, partecipazione a bandi competitivi, organizzazione di attività formative, attività di placement e creazione di nuova imprenditorialità innovativa, sociale, culturale, sportiva e creativa.

Stampa

Condividi l'Articolo sui Social