Sanità/Chiusura PPI: Insorgono le opposizioni dei Comuni del Sud Pontino

Condividi l'Articolo sui Social

La imminente chiusura dei Punti di Primo Soccorso scuote, finalmente anche i comuni più a Sud. Ad insorgere infatti sono all’unisono i  gruppi di minoranza consiliare delle Amministrazioni di SS Cosma e Damiano, Castelforte e Minturno.

Scendono in campo con un atto congiunto: Rolando Bozzella (in foto), capo gruppo di Fare Futuro Insieme di Santi Cosma e Damiano; Gianfranco Testa per Castelforte democratica e i capigruppo di opposizione minturnesi Fausto La Rocca (Minturno domani) e Tommaso Iossa ( lista civica Fedele sindaco).

Oggetto della richiesta protocollata ai rispettivi Comuni ed indirizzata ai Sindaci Giancarlo Cardillo, Gerardo Stefanelli e Franco Taddeo, è la convocazione di un consiglio comunale congiunto con la presenza amministratori regionali. Di seguito la richiesta congiunta ufficiale.

“Coinvolti da un comune senso di preoccupazione per la previsione in data 31/12/2018 della chiusura dei Punti di Primo Intervento di Minturno e Gaeta e per le conseguenze che tale provvedimento genererebbe sulla popolazione dei comuni del Sud Pontino, invitano i Sindaci dei comuni di riferimento all’indizione di un consiglio comunale congiunto ed aperto in cui discutere e coordinare azioni condivise.
Ai lavori sarebbe opportuno, se non indispensabile, richiedere la partecipazione del Presidente della Commissione Regionale Sanità del Lazio Pino Simeone, dello stesso Presidente della Regione Nicola Zingaretti e del portavoce dell’opposizione Stefano Parisi, sui quali ricade l’onere di chiarire quale situazione si va profilando in merito alla delicata faccenda che investirà il comparto sanitario.
È nostro dovere poter illustrare con chiarezza ai nostri rispettabili concittadini i fatti.
Per questo invitiamo i Sindaci Cardillo, Stefanelli e Taddeo, nell’interesse dei residenti dei comuni del Sud Pontino a prendere in considerazione una data da fissare, in cui poter dare spazio al confronto diretto con gli organi superiori nel tentativo di condurre questa battaglia per mantenere attivi i PPI di Gaeta e Minturno.
Porgiamo cordiali saluti e confidiamo nel reale interesse dei primi cittadini attendendo riscontro a questa nostra sentita richiesta, poiché è da reputarsi indispensabile un momento di reale dibattito che possa raggiungere toni decisivi e non lasci brancolare nel buio i nostri conterranei.”

Stampa

Condividi l'Articolo sui Social